lunedì 30 settembre 2013

Jacopo Ratini - "Disturbi di Personalità"

il cantautore romano Jacopo Ratini con il nuovo disco "Disturbi di personalità"

A cura de Il Cala

Nella apparente spensieratezza della musica e delle parole di Jacopo Ratini, si nasconde un bel talento e soprattutto la capacità di affrontare temi quotidiani e semplici senza cadere nella banalità tipica del peggior pop e al contempo senza prendersi troppo sul serio.

Jacopo sa come maneggiare i testi e li abbina a musiche accattivanti, che chiamano o suggeriscono un ritornello e che ti si incollano addosso come la sabbia di una spiaggia estiva, stagione che ispira queste 11 tracce. Riferimenti importanti, nomi altisonanti vengono evocati da questi pezzi, Tiziano Ferro, i primi Bluvertigo, oltre a tutta quella serie di artisti sempre a cavallo tra pop d'autore e da classifiche, come ad esempio Max Gazzè e alcune cose di Daniele Silvestri. Tra le canzoni spicca la divertente “Ogni tuoi ventotto giorni” che affronta il tema delicatissimo del come rapportarsi con la propria donna “in quei giorni lì” (dai, ci siamo capiti no?). Proprio in questo pezzo emerge l'ironia di Jacopo, che scommetto strappa un sorriso anche alle ragazze che lo ascoltano “in quei giorni”.


Ironia che comunque permea tutto l'album, contrassegnato da ballate elettroacustiche e divertenti pezzi ballabili, in cui Jacopo abbozza anche un cantato simil rap, come nella conclusiva “ Mi sono innamorato del tuo nome, purtroppo”. Notevole invece la resa della ballata pianistica “Ogni mio passo”, dove l'ironia lascia il passo ad una riflessione generazionale, accompagnata da una slide che appare a sorpresa, che potrebbe trovare spazio radiofonico con solo un po' di coraggio da parte dei networks. Molto ma molto bella è “Perditempo”, spaccato autocritico di chi adora i tempi lenti e l'ozio, che abbina un ritmo rock ad un testo simpatico e vagamente alla Ivan Graziani.

Un grande in bocca al lupo a Jacopo, impegnato in diversi progetti artistici, perchè abbia la fortuna che merita.





  

Nessun commento:

Posta un commento